top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreJose Santa Maria Andreone

Cos'è il rapé?


Cos'è il rapé?

Il rapé è una medicina sciamanica sacra che è stata usata dai guaritori del bacino amazzonico per migliaia di anni ed è diventata una parte essenziale della loro cultura e storia tribale.

Il rapé è una miscela complessa di piante polverizzate, che contengono solitamente un tabacco forte, Nicotiana rustica e talvolta anche Nicotiana tabacum, come uno degli ingredienti principali. Data la potenza del tabacco, Nicotiana rustica, che è 20 volte più forte del Nicotiana tabacum, il rapé può suscitare effetti di allerta mentale.

Gli sciamani sudamericani usano il tabacco come una medicina sacra e salutare ed esiste una connessione molto stretta tra l'uso del tabacco e lo sciamanesimo che ha poco in comune con il nostro modo occidentale di usare il tabacco. Le tribù indigene usano il tabacco nelle cerimonie, per predire il bel tempo, la pesca o il raccolto e per scopi spirituali (ad es. Ricerca della vista, trance ecc.) E curativi, ma raramente per fumare. L'uso del tabacco da parte delle tribù indigene del Sud America, come Kaxinawá, Nu-nu, Yawanawá e Katukina, è profondamente radicato nella loro cultura ed è stato impiegato almeno dalla civiltà Maya per scopi rituali, medicinali e ricreativi.



Oltre al tabacco, le preparazioni di rapé contengono spesso foglie polverizzate e setacciate mescolate con materiali vegetali finemente macinati o ceneri alcaline, ad es. canfora, cannella, fava tonka, trifoglio, buccia di banana e menta.

Le ceneri di rapé possono, inoltre, essere ricavate da piante psicoattive, ad es. Macambo (Theobroma bicolore); Txunú (Platycyamus regnellii), Copaiba. Esistono preparazioni speciali per il rapé che contengono allucinogeni, come Anadenanthera, Erythroxylum, Virola o anche jurema (mimosa hostilis) e chacruna (psychotria viridis), realizzati per scopi cerimoniali e curativi. Tuttavia, alcuni ingredienti del rapé rimarranno sempre un segreto della tribù sciamanica che lo ha composto.

Effetti e uso del rapé



L'uso del rapé ha molti scopi diversi per le tribù indigene, tra cui i riti della pubertà femminile, i riti di iniziazione, le feste del bere cashiri, i riti sociali e le cerimonie di guarigione. Eppure, ogni tribù ha la propria routine di stupro: alcuni lo applicano ogni giorno dopo colazione e cena, altre tribù lo usano tre volte durante la notte. A seconda dell'occasione, il rapé può essere mescolato con altre piante che alterano la mente, come la coca, il jurema o l'anadenanthera.



Un rituale di stupro in genere comporta un'amministrazione reciproca da parte di due persone. La miscela viene soffiata in alto nelle narici con una pipa fatta di bambù o osso. Il colpo intenso focalizza immediatamente la mente, interrompe il chiacchiericcio e apre l'intero spazio mentale liberato per le tue intenzioni. Inoltre, il rapé aiuta a liberare le malattie emotive, fisiche e spirituali e allevia la negatività e la confusione, consentendo un profondo radicamento della tua mente. Allo stesso modo, gli sciamani usano il rapé per riallinearsi con i loro canali energetici e con il loro sé superiore e per intensificare la loro connessione con il mondo e l'universo. Inoltre, il rapé apre la strada alla disintossicazione del corpo e pulisce tutto il muco in eccesso, le tossine e i batteri, aiutando così a combattere il raffreddore e il raffreddore. Inoltre, il rapé stimola la mente con il suo contenuto nicotinico che a sua volta rilascia a.o. epinefrina, acetilcolina e dopamina, che supportano una maggiore concentrazione, presenza e intuizione. È interessante notare che ci sono molte voci secondo cui Rapé potrebbe decalcificare la ghiandola pineale (1), che è coinvolta nella secrezione di melatonina, nella percezione del tempo circadiano e nel metabolismo dei farmaci. Inoltre, la calcificazione della ghiandola pineale è stata associata a malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer, e all'esposizione al fluoro, il che sottolinea ulteriormente l'importanza di una ghiandola pineale sana. Tuttavia, se Rapé può davvero aiutare la decalcificazione della ghiandola pineale, deve ancora essere scientificamente provato.

Origine e Storia

L'inizio del rapé si riflette nell'origine del tabacco, che presumibilmente deriva dalle Americhe. Il primo uso scritto di tabacco da fiuto mai segnalato, è stato documentato dagli Incas, che usavano lo stupro per curare varie malattie e per "purgare la testa". Gli Inca usavano solo varietà di tabacco selvatico e macinavano le radici delle piante. Già 5.000 anni fa, i nativi americani coltivavano tabacco e furono probabilmente i primi a fumare, masticare e inalare tabacco. Fino ad oggi, l'America rimane famosa per la produzione di tabacco: nel 2010, il Brasile è diventato il più grande esportatore di tabacco al mondo e il secondo produttore di tabacco (FAOSTAT). Ciò si riflette nell'uso e nella produzione di rapé dei brasiliani: gli indigeni in Brasile sono famosi per la produzione di una delle migliori miscele di rapé in tutto il mondo. Inoltre, le tribù indigene brasiliane sono state le prime a usare il tabacco da fiuto (OMS). Considerando che il tabacco da fiuto è stato introdotto in Europa solo nel 1500; il monaco francescano, Fra Ramón Pané, che viaggiò con Cristoforo Colombo nel 1493, fu il primo europeo a scoprire che gli indiani usavano il tabacco da fiuto e introdusse questo squisito sacramento in Spagna al suo ritorno. Questo fu l'inizio di una lunga area del tabacco e del tabacco da fiuto in Europa.

Produzione di Rapé



Oltre al tabacco, una miscela di rapé è composta da corteccia di radice di piante, semi e foglie e da ceneri di piante. Il tabacco viene prima tagliato a pezzetti e poi asciugato a fuoco basso. Quindi, i materiali vegetali essiccati e le foglie di tabacco vengono polverizzati con un mortaio e un pestello di palissandro, che aggiunge un dolce profumo legnoso alla miscela di rapé. Dopo la macinazione, la miscela viene setacciata e macinata nuovamente fino ad ottenere una polvere fine e liscia. La miscela viene conservata in bottiglie o tubi tappati, che sono spesso realizzati con osso per mantenere i prodotti il ​​più freschi possibile.

Valori medicinali



Per gli indigeni americani, il tabacco è usato in medicina come cura di alcune malattie, piaghe, ferite e come difesa contro gli insetti e anche come sostanza analgesica e narcotica che allevia la fatica, il dolore, la fame e la sete.



Il rapé entra in profondità nelle narici, ripulendo così il muco residuo ed esercitando potenti effetti antibatterici. Se il corpo è troppo congestionato dalle tossine, il vomito può essere un effetto collaterale che porta a una pulizia approfondita. Ci sono anche miscele di rapé speciali che sono fatte per contrastare l'influenza e altre malattie. Inoltre, il tabacco contenuto nella maggior parte delle miscele di rapé può potenziare la capacità curativa di altre piante, come l'Ayahuasca.



Poiché Rapé contiene nicotina, il suo uso aumenta il flusso sanguigno cerebrale e influisce sul rilascio di numerosi neurotrasmettitori stimolatori, come epinefrina, acetilcolina e dopamina, aumentando così la concentrazione, la presenza e l'intuizione e aprendo il corpo a una comunicazione più elevata e al pensiero olistico e comprensione.

Come accennato in precedenza, Rapé ha la reputazione di decalcificare la ghiandola pineale, che è coinvolta nella secrezione di melatonina, nella percezione del tempo circadiano e nella funzione del sistema immunitario. Anche se questo non è stato confermato da studi scientifici, questo è di grande interesse, dato che malattie degenerative, come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson, e l'esposizione al fluoro o al mercurio possono portare alla calcificazione della ghiandola pineale. La calcificazione della ghiandola pineale può essere facilmente testata mediante risonanza magnetica (MRI) che mostra il grado di fosfato di calcio sulla ghiandola. Inoltre, anche il normale invecchiamento è stato associato alla calcificazione della ghiandola pineale e alla diminuzione della produzione di melatonina, mentre i bambini raramente mostrano ghiandole pineali calcificate. Inoltre, si suggerisce che la nostra acqua inquinata, che è spesso piena di ormoni e residui di pesticidi, oltre a additivi alimentari, zucchero in eccesso e dolcificanti, possa portare alla calcificazione della ghiandola pineale. È stato anche dimostrato che la calcificazione della ghiandola pineale è associata a livelli ridotti di melatonina e ad un alto rischio di ictus ischemico, emorragia intracerebrale (sanguinamento) e cancro al seno. Questo rischio di ictus era ancora più alto quando i pazienti erano affetti anche da ipertensione, diabete e colesterolo/trigliceridi alti.

Sono di grande interesse strumenti, come il rapé, che potenzialmente una sana funzione della ghiandola pineale, contrastando così la sua calcificazione e aumentando la sua produzione di melatonina.

Applicazione

Una cerimonia tra il donatore e il ricevente


Tradizionalmente, il rapé viene somministrato con due diversi tipi di pipe, che sono fatte di bambù o osso. Il primo tipo di pipa richiede la presenza di un'altra persona, che soffierà potentemente il tabacco da fiuto in ciascuna narice del partner che riceverà e inalerà il rapé. Per questo motivo è generalmente indicato come cerbottana e in brasiliano è chiamato "Tepi". L'altro tipo di pipa è un autoapplicatore e si chiama "Kuripe". La connessione tra bocca e naso è facilmente stabilita attraverso la forma a V della pipa.



Soffiare il Tepi implica un'intima connessione tra chi dà e riceve il rapé. Entrambi sono strettamente collegati dalla bocca, dal naso e dal respiro, ed entrambi hanno bisogno di aprirsi e permettere all'altro spirito e intenzione di entrare, permettendo che la guarigione avvenga. Spesso la persona che soffia deve essere un membro della tribù esperto, poiché invia la sua intenzione e il suo spirito alla persona che inspira, il che offre una mente forte e una chiara concentrazione. Quindi, l'essenza di questo rituale di soffiaggio non dipende dalla forza del tuo soffiare, ma se puoi condividere te stesso mentre lo fai e quindi potenziare il ricevitore.

Questi "riti di soffiaggio" sono di grande importanza nella tradizione sciamanica, che percepisce l'energia curativa del respiro (nota anche come "Soplada" - che significa soffiare energia curativa) come uno strumento importante per la guarigione.


Se sei un utente di rapé inesperto, è più facile usare il Tepi, poiché entrambe le pipe offrono un secondo colpo subito dopo il primo. Questo può essere difficile per un utente inesperto, dato che il primo colpo può essere travolgente. Tuttavia, se stai usando il Kuripe, è importante continuare con il secondo colpo il prima possibile per armonizzare le energie di entrambe le narici.

Ci sono molti modi diversi di soffiare, a seconda delle intenzioni utilizzate. Il colpo più comune offre una profonda inspirazione seguita da un lungo colpo che aumenta di forza verso la fine del respiro. Con questo aumento alla fine del respiro, il rapé viene spinto più in alto e ottiene la migliore pulizia. Il donatore ha bisogno di inspirare profondamente, consentendo un colpo potente e profondo dallo stomaco che viene eseguito con buone intenzioni.

Dose



In generale, si consiglia di iniziare con un dosaggio non superiore a un pisello per porzione. Poiché è molto importante soffiare il tabacco in entrambe le narici, avresti bisogno di due porzioni delle dimensioni di un pisello come buon inizio. Tuttavia, ognuno ha una tolleranza diversa e potrebbe quindi favorire una dose più piccola o più grande. Idealmente, inizi con una porzione grande quanto un pisello, ma poi devi sperimentare tu stesso per trovare la dose più adatta.



L'autosomministrazione è semplice, la fisicità comporta solo il posizionamento di una piccola quantità (mezzo pisello) nella parte superiore dell'applicatore (estremità nasale). Quindi colleghi la bocca all'altra estremità e inizi a soffiare. Puoi sperimentare tra colpi più brevi e più acuti a tentativi più lunghi e più delicati. Ovviamente deve essere applicato su entrambe le narici.



Vale la pena centrarsi prima di usare Rapé e assicurarsi di trovarsi in un ambiente calmo. Puoi usare il Rapé come strumento per trasformare le intenzioni e attraversa anche qualsiasi campo mentale o emotivo in cui ti trovi. L'esperienza iniziale e la forte sensazione durano alcuni minuti, mentre lo stato appena acquisito rimane per molto tempo.

Set and Setting: come prendere Rapé



Ogni pianta medicinale è considerata dalle tribù indigene un sacramento e una preghiera o un'intenzione. Raccomandiamo di utilizzare questa medicina sacra, Rapé, in un ambiente che onora la pianta per le sue capacità di insegnamento e guarigione. Incenso, cristalli, pietre chumpi, musica tribale e natura creano uno spazio perfetto per un uso meditativo e riflessivo del rapé. Inoltre, è molto essenziale puntare la mente e preparare un'intenzione prima di abbracciare il rapé; siediti in silenzio e punta la mente prima di iniziare. Questa intenzione può essere focalizzata su intuizioni, guarigione fisica, guarigione energetica o qualsiasi cosa che richieda guarigione o chiarezza nella tua vita. Una volta trovata un'intenzione, chiedi all'universo o al mondo degli spiriti di aiutarti in questo processo. Successivamente, il ricevente inala profondamente la medicina, prima attraverso la narice sinistra, che simboleggia la morte. Successivamente, il rapé viene applicato sul lato destro, che rappresenta la rinascita. Dopo l'esperienza, è meglio rimanere con gli occhi chiusi, inspirando ed espirando lentamente, consentendo un'accurata messa a terra e il mantenimento della messa a fuoco. Cerca di non esprimere a parole la tua esperienza mentre sei a terra, piuttosto cerca di concentrarti sui tuoi pensieri e sull'energia che viene rilasciata dalla medicina.

Il momento dopo



Moccio e muco troveranno la loro via d'uscita: prima attraverso il naso, poi attraverso la gola. È molto importante consentire il flusso verso l'esterno, poiché le mucose e i fluidi porteranno con sé i rifiuti fisici ed eterici, quindi uno vuole sbarazzarsene. Non forzarlo e non ingoiarlo. Per prima cosa bisogna pulire il naso. Idealmente, questo viene fatto tenendo una narice chiusa con un dito e svuotando l'altra narice con forza, con un forte soffio d'aria espirata attraverso il naso. Quando questo viene fatto con entrambe le narici, spesso più volte, si può immediatamente sentire un nuovo e aperto accesso all'aria fresca e la respirazione attraverso il naso è notevolmente migliorata. Dopo un po', i resti possono ricadere in gola. È importante portarlo di nuovo in bocca e sputare. Potrebbe essere necessario un po' di tosse e catarro, ma è molto necessario e gratificante. Per poter vivere liberamente il processo di pulizia, è meglio essere all'aperto, dove il catarro può essere sputato a terra. Quest'ultimo processo di sputare il catarro, è una simpatica affermazione della negatività espulsa che fisicamente e visivamente lascia il corpo e viene restituita alla madre terra. Se continui a sentire vertigini e malessere dopo aver usato lo stupro e infine lo spurgo, si consiglia di bere dell'acqua, tè senza caffeina o succhi di frutta e rimanere con gli occhi chiusi, sdraiati o seduti. L'acqua idraterà il tuo corpo e aiuterà a rimuovere tutte le tossine che vengono ancora escrete e gli zuccheri naturali supporteranno il radicamento messo a terra.

Processo creativo



Le sigarette di rapé che offriamo sono strumenti di guarigione sacri provenienti direttamente dalle tribù amazzoniche. Questa potente medicina è rara e prodotta faticosamente con piante sacre raccolte dai membri delle tribù durante un processo cerimoniale. Il compositore della miscela deve essere uno sciamano esperto con una conoscenza approfondita del variegato regno vegetale della giungla. La giungla ospita non solo la più grande varietà di piante, bisogna anche sapere quale parte di ogni pianta può essere utilizzata, considerando che la corteccia della radice può avere uno scopo e un effetto diverso rispetto alle foglie o ai semi di una determinata pianta. Possono essere prodotti solo da 1 a 2 chilogrammi alla volta. Questa sacra preparazione è un processo che può richiedere fino a settimane. Di solito, il capo della tribù - i Pajero - lavora sotto una dieta rigorosa e in uno stato di trance quando batte e mescola all'infinito le erbe di rapé. Gli altri membri della tribù sono responsabili della raccolta delle piante di rapé. Le piante verranno essiccate al sole o arrostite e vengono filtrate più volte attraverso un panno fine e quindi mescolate con altri ingredienti per ottenere il lotto finale. In passato, il "Pajero" utilizzava l'ultimo lotto in una cerimonia da solo. Al giorno d'oggi, l'intera tribù partecipa a questo magico evento cerimoniale. Solo da poco tempo le tribù condividono la loro sacra medicina con amici stranieri, tramandando la conoscenza e l'applicazione per le generazioni successive. Tuttavia, molte delle composizioni di miscele rimangono un segreto della tribù.


Il denaro che le tribù guadagnano grazie alla nostra collaborazione viene utilizzato per fornire istruzione e una casa sicura per i bambini del posto. La nostra intenzione è di continuare una connessione sostenibile con queste tribù, consentendo sia alla tribù che ai nostri clienti, di beneficiare di questo scambio.

A parte le miscele tradizionali fatte dalle tribù, offriamo alcune miscele di rapé prodotte da persone in Brasile, che hanno imparato la pratica originale dai membri della tribù che hanno stretto amicizia. Inoltre, noi stessi abbiamo imparato l'abilità di fare rapé. Utilizzando il vero rapé tradizionale come base, aggiungiamo le nostre ceneri e tabacchi personalmente selezionati e infusiamo la miscela con i migliori ingredienti aromatici come oli essenziali, resine e cristalli. Inoltre, infusiamo piante aromatiche fresche ed essenze vegetali che trasferiscono il loro aroma al tabacco molto delicatamente, lasciando una nota fine e fiorita.

Comunità tribali



Acquistiamo il nostro rapé dalle tribù del bacino amazzonico, come Katukina, Yawanawa, Kaxinawa, Nukini, Kuntanawa, Mashco-Piro e Matses. Tutti producono il proprio tipo specifico di miscela di rapé, ognuno dei quali ha uno scopo diverso. Come le nostre tribù, un vasto insieme di tribù vive nell'Amazzonia occidentale (comprese parti del Perù, Brasile e Bolivia). Molte delle loro conoscenze sulle piante, come l'ayahuasca e il sacro rapé, vengono condivise e trasmesse ai visitatori stranieri. Molti anziani parlano della necessità di riunire le forze con altre tribù e anche altre nazioni, per affrontare la difficile situazione climatica, proteggere la foresta pluviale e creare una vita più sostenibile.

Precauzione



Il rapé è una medicina sacra e va usata con rispetto e buone intenzioni. Sconsigliamo fortemente l'uso combinato con l'alcol. Ricordarsi di non ingoiare la miscela, ma soffiarsi il naso con cura e sputare i resti. A causa del contenuto di tabacco della maggior parte delle miscele di rapé, un uso compulsivo può portare alla dipendenza e può causare malattie cardiache, ictus, aterosclerosi e altre malattie vascolari. Pertanto, non dovresti mai usare lo stupro durante le gravidanze.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page