top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreJose Santa Maria Andreone

Cos'è Mambe?


Il mambe, (foglia di coca tostata e polverizzata mescolata con la cenere delle foglie di Yarumo), è stato usato cerimonialmente nelle regioni andine e amazzoniche del Sud America per migliaia di anni. La prima testimonianza dell'uso cerimoniale della pianta può essere fatta risalire a Huanca Prieto, nel Perù settentrionale, nel 2500 aC. Da allora la pianta ha mantenuto un'importanza centrale nelle offerte delle comunità indigene a Pachamama, Inti, spiriti guardiani delle foreste, degli alberi e delle montagne circostanti (apus).

In queste comunità la pianta viene utilizzata anche come strumento per promuovere conversazioni produttive tra i membri della comunità e per prendere decisioni che influiscono sul benessere degli altri. Se assunto insieme all'ambil, o una pasta di tabacco, Mambe apre il nostro chakra della gola, addolcisce le nostre parole e conferisce trasparenza e immediatezza al nostro discorso. Questa tradizione di conversare con Mambe dopo il tramonto per molte ore come comunità è per mambear e ambilear. Durante questo periodo, gli anziani trasmettono la loro conoscenza e saggezza alle giovani generazioni. È interessante notare che le donne partecipano a queste sessioni ma in genere non consumano le piante. Queste tradizioni che ci collegano gli uni con gli altri e con la terra sono ciò che desideriamo condividere con i partecipanti ai ritiri dell'ECA.

Le preparazioni e gli usi della pianta variano da regione a regione, con i popoli andini degli altipiani che masticano bocconi di foglie intere insieme a una piccola quantità di un alcaloide, e i gruppi dell'Amazzonia e di altri pianure che usano la forma in polvere chiamata Mambe. Dove vengono utilizzate l'intera foglia e l'alcaloide, i succhi della pianta vengono inghiottiti e quindi le foglie masticate vengono poste sulla terra come offerta. Un ruolo centrale della pianta nelle culture degli altipiani è anche quello di ossigenare il sangue e consentire il travaglio ad alta quota diminuendo gli effetti dannosi del mal di montagna. In pianura la pianta viene consumata più spesso come Mambe, che si conserva meglio nel clima umido. Lì la polvere viene messa in bocca e alla fine ingerita.

Oltre ad ossigenare il sangue e mitigare il mal di montagna, la coca aiuta a superare la fatica, la fame e la sete. È stato anche usato per secoli come anestetico per alleviare il dolore di mal di testa, reumatismi e ferite. Il suo alto contenuto di calcio spiega perché è stato utilizzato per le fratture ossee e poiché la coca restringe i vasi sanguigni, serve anche a contrastare il sanguinamento. È stato anche segnalato che la coca cura la malaria, le ulcere, l'asma e l'indigestione ed è stata attribuita al miglioramento della longevità. Gli studi moderni supportano queste applicazioni.

La foglia di coca contiene minerali essenziali come calcio, potassio e fosforo, vitamine B1, B2, C ed E e sostanze nutritive come proteine ​​e fibre. Si dice che contenga 5 volte le proteine ​​per grammo rispetto alla carne rossa.

Infine, la coca è considerata dagli abuelos, taitas, curanderos e sciamani delle Americhe una delle 7 piante maestre, insieme ad Ayahuasca (Yagé), San Pedro Cactus (Huachuma), Peyote (Hikuri), Yopo, Psilocibina, e tabacco. Se usate intenzionalmente, queste piante ci connettono con il regno spirituale, aprono uno spazio per l'autoriflessione nelle nostre vite e guariscono.


48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page